Archivi categoria: Senza categoria

Obbligo di parola

dall’appello alle palermitane e ai palermitani

Di fronte alla polemica che intercorre tra il ministro Salvini e il sindaco Orlando, noi cittadine e cittadini impegnati in diversi ambiti del volontariato e dell’associazionismo, ci sentiamo obbligati a prendere la parola.

Riteniamo una conquista irrinunciabile la regola della non discriminazione dei diritti umani; se qualcuno si arrogasse l’arbitrio di stabilire a chi concederli, si aprirebbe un varco alle forze negatrici della convivenza democratica.

Continua la lettura di Obbligo di parola

Una semina per la terra e la storia

intervento di Albertina Soliani alla scuola estiva della Rosa Bianca

Grazie, amici, di queste ore che vivremo insieme.

Ricordo di essere stata un’altra volta con voi, una trentina d’anni fa, credo a Brentonico.

Oggi sono venuta qui da Casa Cervi. Si trova tra Reggio Emilia e il Po. Vengo dalla terra dei Campi Rossi, dove i Cervi sono approdati negli anni ’30 come affittuari. 7 fratelli, 2 sorelle, nuore, nipoti. Due genitori, Alcide e Genoeffa. Una comunità, robusta, unita, vivace. Con radici cattoliche. La madre sapeva leggere. Di sera, nella stalla, leggeva la Bibbia e libri come La madre di Gor’kij. Erano antifascisti, perché umani. Poi Aldo incontra in carcere gli antifascisti comunisti.

Lavorano la terra, sono innovatori. Vogliono cambiare l’agricoltura e poi capiscono che si deve cambiare la storia. Sono i primi a comprare il trattore, e con il trattore portano a casa un mappamondo. Così li portano nei campi, il trattore e il mappamondo, oggi il simbolo di Casa Cervi. Continua la lettura di Una semina per la terra e la storia

Diritti a testa alta

La Rosa Bianca aderisce all’appello “Diritti a testa alta” e partecipa alla mobilitazione nelle città.

A partire dalle 18.30 del 10 dicembre in oltre 80 città italiane verrà accesa una candela contro le violazioni dei diritti umani diffuse nel mondo e nel nostro Paese.

Segue il testo dell’appello per la mobilitazione:

“Il 10 dicembre di 70 anni fa veniva approvata la Dichiarazione universale dei diritti umani, che indica nel rispetto degli uguali diritti di ogni essere umano il fondamento di un mondo libero, giusto e in pace.

La Dichiarazione stabilisce eguaglianza e dignità di ogni essere umano e pone in capo a ogni stato il dovere centrale di garantire a tutti di godere dei propri inalienabili diritti e libertà.

Incisione del testo dei diritti dell’uomo sulle colonne del museo nazionale germanico di Norimberga

Continua la lettura di Diritti a testa alta

Ri-amare la Politica: Il Palazzo dei Baci rubati, a firenze

di Francesco Lauria

“Non c’è nulla di anti-casta in questo romanzo… L’associazione che ci ospita oggi, la Rosa Bianca, nasce a latere di un convegno, svoltosi nel 1980, che si intitolava non casualmente: ri-amare la Politica…”

Tra i passaggi chiave del bel pomeriggio di venerdì 23 novembre 2018 c’è certamente questa frase di Laura Rozza Giuntella, pronunciata in occasione della presentazione del suo libro: “Il Palazzo dei Baci rubati” (scritto con il co-autore Paolo Bertezzolo). Continua la lettura di Ri-amare la Politica: Il Palazzo dei Baci rubati, a firenze

DALL’ASSEMBLEA DELLA Rosa Bianca

Riflessioni sulla Rosa Bianca, con alcuni contributi e temi possibili per un percorso – dicembre 2018

Di seguito vengono riportati i contributi pervenuti in preparazione dell’Assemblea dell’11 novembre.

Mappa Contributi raccolti dalle proposte pervenute prima dell’assemblea
Continua la lettura di DALL’ASSEMBLEA DELLA Rosa Bianca

Questione meridionale e rapporto Svimez 2018

Si è tenuta martedì 13 novembre 2018 l’iniziativa promossa dal gruppo di Pisa sulla questione meridionale e il rapporto SVIMEZ 2018.

E’ possibile rivedere gli interventi al seguente link

IN DIRETTA DA ECONOMIA #PISAMEZZOGIORNO, ECONOMIA E SOCIETA' RESILIENTE? Un dialogo pubblico sul rapporto SVIMEZ 2018.Con Davide Fiaschi, Giuseppe Provenzano, Andrea Roventini, Pasquale Tridico.

Pubblicato da Rosabianca/weißerose Pisa su Martedì 13 novembre 2018

Don Milani e il mondo del lavoro

A compimento di un percorso di oltre un anno di iniziative, incontri, approfondimenti, svoltosi tra il Centro Studi Cisl di Firenze e la scuola di Barbiana, le Edizioni Lavoro hanno pubblicato il volume: “Quel filo teso tra Fiesole e Barbiana. Don Milani e il mondo del lavoro”. Il lavoro sindacale, insieme all’insegnamento e all’impegno politico, è una delle strade che don Lorenzo Milani indicava ai suoi ragazzi per dare una finalità alla vita. Il volume, pensato in ricordo di Michele Gesualdi, è realizzato in collaborazione con la Fondazione Don Milani e la Fondazione Tarantelli. Curatore del libro è Francesco Lauria. La presentazione è di Annamaria Furlan, segretario generale della Cisl. Marco Damilano firma la postfazione.

Si è svolta a cura della Rosa Bianca di Pisa una presentazione del libro con la partecipazione di Francesco Lauria e di Francesco Gesualdi.

a questi link 
potete trovare la registrazione integrale, in due parti, dell’iniziativa

Qui trovate il sommario e stralci dei contenuti del libro e una scheda per le ordinazioni del libro a prezzo scontato. Continua la lettura di Don Milani e il mondo del lavoro

Sconfinamenti, tra sogni e visioni

dalla Scuola di formazione della Rosa Bianca.

Per eventuali approfondimenti si segnala che parte del materiale condiviso nella scuola di formazione è disponibile al seguente link 

Nell’ultima manifestazione per una “Europa senza Muri” del 28 agosto a Milano molte persone si sono ritrovate per riportare al centro della politica la dignità della persona e il progressivo crescere di discriminazioni, di atti di razzismo e di intolleranza alimentati dalle paure agitate da molti ambienti della politica.

In un mondo di sogni esausti a volte emergono segnali, anche se piccoli, rumorosi qualche volta anche un po’ dispersi in tante sigle, ciascuna con la propria storia e i propri percorsi. La scuola di formazione estiva della Rosa Bianca di quest’anno organizzata con la partecipazione di Agire Politicamente fin dal titolo “Sconfinamenti, tra sogni e visioni” ha voluto misurarsi a partire da un clima politico, culturale e sociale per ritrovare ragione, cuore e pensiero di fronte a questi tempi nuovi in cui la politica continua a essere  imbrigliata nella continua propaganda e fugge dal dare risposte a temi, problemi e attese delle persone. Continua la lettura di Sconfinamenti, tra sogni e visioni

Ripartire dalla nascita

di Franca Filippone

Riportare in sintesi la riflessione che Ina Praetorius ha proposto alla Scuola Estiva della Rosa Bianca 2017 non è semplice. Come spesso avviene il commento potrebbe essere più lungo, e certo più arzigogolato, della relazione stessa.

Ina Praetorius, accompagnata dal traduttore Peter Litturi che ha molto contribuito a traghettare il suo pensiero dalla lingua madre tedesca in cui Ina si esprimeva all’italiano, non usa uno stile altisonante e ricorre a una retorica semplice. Ma questo non significa che i temi di cui tratta e che propone siano semplici e che sia compito facile proporli o ridurli per una lettura riepilogativa, senza correre il rischio di banalizzare e minimizzarne contenuti e chiavi di lettura. Ina mette le mani nei concetti di fondo che hanno costruito il modo di pensare occidentale, nei gangli dai quali si sono formate le ossature della società; vedere con occhi diversi le cose che siamo abituati ad avere intorno, pensare con visione diversa i pensieri e i percorsi che riproduciamo quotidianamente necessita di una profonda riflessione da parte di chi propone e capacità di cogliere sfumature da parte di chi accoglie. Continua la lettura di Ripartire dalla nascita

PER RITROVARE L’ANIMA DELLA CITTÀ

LA SFIDA DEL BENE COMUNE PER RITROVARE L’ANIMA DELLA CITTÀ

Spunti per Abano Terme 3-6 gennaio 2018

La sensazione è quella di essere assediati.

Di avere la città assediata da molti nemici che premono alle porte e tra le strade.

Assedio di problematiche diverse che si sommano, di necessità basiche che si sommano a necessità di nuovo tipo, relazioni che si sfaldano e non resistono alla frizione dei tempi della vita. Frammentazioni e rotture sembrano essere le risposte che immediate si impongono alla quotidianità. Continua la lettura di PER RITROVARE L’ANIMA DELLA CITTÀ