Tutti gli articoli di rbadmin

Una semina per la terra e la storia

intervento di Albertina Soliani alla scuola estiva della Rosa Bianca

Grazie, amici, di queste ore che vivremo insieme.

Ricordo di essere stata un’altra volta con voi, una trentina d’anni fa, credo a Brentonico.

Oggi sono venuta qui da Casa Cervi. Si trova tra Reggio Emilia e il Po. Vengo dalla terra dei Campi Rossi, dove i Cervi sono approdati negli anni ’30 come affittuari. 7 fratelli, 2 sorelle, nuore, nipoti. Due genitori, Alcide e Genoeffa. Una comunità, robusta, unita, vivace. Con radici cattoliche. La madre sapeva leggere. Di sera, nella stalla, leggeva la Bibbia e libri come La madre di Gor’kij. Erano antifascisti, perché umani. Poi Aldo incontra in carcere gli antifascisti comunisti.

Lavorano la terra, sono innovatori. Vogliono cambiare l’agricoltura e poi capiscono che si deve cambiare la storia. Sono i primi a comprare il trattore, e con il trattore portano a casa un mappamondo. Così li portano nei campi, il trattore e il mappamondo, oggi il simbolo di Casa Cervi. Continua la lettura di Una semina per la terra e la storia

Sconfinamenti, tra sogni e visioni

dalla Scuola di formazione della Rosa Bianca.

Per eventuali approfondimenti si segnala che parte del materiale condiviso nella scuola di formazione è disponibile al seguente link 

Nell’ultima manifestazione per una “Europa senza Muri” del 28 agosto a Milano molte persone si sono ritrovate per riportare al centro della politica la dignità della persona e il progressivo crescere di discriminazioni, di atti di razzismo e di intolleranza alimentati dalle paure agitate da molti ambienti della politica.

In un mondo di sogni esausti a volte emergono segnali, anche se piccoli, rumorosi qualche volta anche un po’ dispersi in tante sigle, ciascuna con la propria storia e i propri percorsi. La scuola di formazione estiva della Rosa Bianca di quest’anno organizzata con la partecipazione di Agire Politicamente fin dal titolo “Sconfinamenti, tra sogni e visioni” ha voluto misurarsi a partire da un clima politico, culturale e sociale per ritrovare ragione, cuore e pensiero di fronte a questi tempi nuovi in cui la politica continua a essere  imbrigliata nella continua propaganda e fugge dal dare risposte a temi, problemi e attese delle persone. Continua la lettura di Sconfinamenti, tra sogni e visioni

Solidarietà e sostegno al Presidente Mattarella

SOSTEGNO AL PRESIDENTE MATTARELLA, GARANTE DELLA COSTITUZIONE. TUTTI CONTRIBUISCANO A UN CLIMA PIU’ SERENO E COSTRUTTIVO NEL PAESE

Come rete di Associazioni cattolico-democratiche “Costituzione, Concilio, Cittadinanza” esprimiamo totale e incondizionata solidarietà al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e riteniamo inaccettabili e pericolosi per il nostro sistema democratico i violenti attacchi che in queste ore gli vengono rivolti. Nel difendere il proprio ruolo da inopinati diktat e ricatti, mai verificatisi prima d’ora, il Presidente ha difeso non se stesso come singolo, ma l’Istituzione che rappresenta – posta a garanzia della Costituzione e dell’unità della nazione – e il nostro stesso Paese, a rischio di una crisi finanziaria che ne avrebbe minato il bilancio, i risparmi, l’economia e quindi la stessa autonomia.
Continua la lettura di Solidarietà e sostegno al Presidente Mattarella

Risorse spirituali per la nuova Europa

di Michele Nicoletti

E’ un grandissimo onore per me assumere in questo momento la Presidenza dell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa e voglio anzitutto ringraziare i gruppi politici – a partire dal mio gruppo – che, sulla base dell’accordo che regola la rotazione della nostra Presidenza, hanno riposto la loro fiducia in me. E desidero ringraziare anche tutti i membri dell’Assemblea che hanno accolto questa indicazione e che con il loro assenso hanno reso possibile il mio incarico. Continua la lettura di Risorse spirituali per la nuova Europa

Tempo di accogliere e lasciarsi visitare

In questi giorni in cui celebriamo il Natale contempliamo l’annuncio di una nascita che si incarna nella nostra storia.

Da un luogo apparentemente periferico (rispetto alle sedi di potere, alle nostre ambizioni di onnipotenza, al possesso del denaro e alle garanzie di successo) ci raggiunge una proposta di vita nuova, per ciascuno e ciascuna di noi.
Continua la lettura di Tempo di accogliere e lasciarsi visitare

Ripartire dalla nascita

di Franca Filippone

Riportare in sintesi la riflessione che Ina Praetorius ha proposto alla Scuola Estiva della Rosa Bianca 2017 non è semplice. Come spesso avviene il commento potrebbe essere più lungo, e certo più arzigogolato, della relazione stessa.

Ina Praetorius, accompagnata dal traduttore Peter Litturi che ha molto contribuito a traghettare il suo pensiero dalla lingua madre tedesca in cui Ina si esprimeva all’italiano, non usa uno stile altisonante e ricorre a una retorica semplice. Ma questo non significa che i temi di cui tratta e che propone siano semplici e che sia compito facile proporli o ridurli per una lettura riepilogativa, senza correre il rischio di banalizzare e minimizzarne contenuti e chiavi di lettura. Ina mette le mani nei concetti di fondo che hanno costruito il modo di pensare occidentale, nei gangli dai quali si sono formate le ossature della società; vedere con occhi diversi le cose che siamo abituati ad avere intorno, pensare con visione diversa i pensieri e i percorsi che riproduciamo quotidianamente necessita di una profonda riflessione da parte di chi propone e capacità di cogliere sfumature da parte di chi accoglie. Continua la lettura di Ripartire dalla nascita

PER RITROVARE L’ANIMA DELLA CITTÀ

LA SFIDA DEL BENE COMUNE PER RITROVARE L’ANIMA DELLA CITTÀ

Spunti per Abano Terme 3-6 gennaio 2018

La sensazione è quella di essere assediati.

Di avere la città assediata da molti nemici che premono alle porte e tra le strade.

Assedio di problematiche diverse che si sommano, di necessità basiche che si sommano a necessità di nuovo tipo, relazioni che si sfaldano e non resistono alla frizione dei tempi della vita. Frammentazioni e rotture sembrano essere le risposte che immediate si impongono alla quotidianità. Continua la lettura di PER RITROVARE L’ANIMA DELLA CITTÀ

PER UN MONDO NON GENOCIDA

PATRIA DI TUTTI PATRIA DEI POVERI
(Katechon – Appello a resistere)

Alla fine della seconda guerra mondiale i popoli giudicarono la civiltà che li aveva portati a quella crisi, e si resero conto di come essa fosse avanzata nel tempo rendendosi più volte colpevole di razzismi aggressioni e genocidi. Nel 1948 essi adottarono la Convenzione per la prevenzione e la repressione del crimine di genocidio, termine con cui si intendeva non solo lo sterminio di un intero popolo, ma tutti gli atti volti “a distruggere in tutto o in parte” un gruppo umano come tale. Pertanto essi decisero di passare a una civiltà di popoli eguali senza più genocidio. Continua la lettura di PER UN MONDO NON GENOCIDA